Internazionale
Home > Newsletter > Newsletter

Newsletter

Articoli di questa rubrica


Un governo di “salvezza nazionale” degli industriali e dei banchieri (Newsletter)

Almeno dai primi di dicembre, le polemiche sul governo Conte, gli attacchi di Renzi, i tentativi di cercare in parlamento qualche nuovo puntello per l’edificio traballante della coalizione “giallorossa”, hanno generato un tale polverone che, alla fine, la crisi economica sembrava non fare più (...)


Gennaio 1921, nasce a Livorno il Partito comunista

Cento anni di una storia giovane (Newsletter)

Se riflettiamo un momento sulla pandemia in corso, dobbiamo riconoscere che la salute di tutti i popoli della terra e la stessa sopravvivenza di milioni di persone dipendono da tre o quattro grandi aziende del settore farmaceutico. In altre parole, tutte le conoscenze scientifiche e i mezzi per (...)


Che cosa ci insegna l’assalto al Campidoglio americano (Newsletter)

Le scene dell’assalto a Capitol Hill, il Campidoglio di Washington, sede del parlamento americano, hanno scioccato tutto il mondo. Fino ad ora si riteneva che episodi del genere appartenessero solo alle dittature dei paesi sottosviluppati. Ma gli Stati Uniti sono la prima potenza mondiale! (...)


Chi sono i veri garantiti (Newsletter)

Nel suo discorso di fine anno, Giuseppe Conte si è detto “molto preoccupato” di quello che accadrà dopo il 31 marzo, giorno nel quale finirà il blocco dei licenziamenti. Si prevedono centinaia di migliaia di posti di lavoro in meno. Di fronte a questo cupo scenario, il Capo del governo ha assicurato (...)


C’è guerra e guerra (Newsletter)

Il centro delle contese politiche è rappresentato dalla questione dei fondi europei. E sarà così ancora per parecchi mesi. La polemica degli ultimi giorni contro Giuseppe Conte è incentrata, da parte dell’opposizione e di chi la sostiene, sul modo “dittatoriale” con il quale il governo e, più (...)


È il momento di farsi sentire! (Newsletter)

Il blocco dei licenziamenti non sarà prolungato dopo il 31 marzo. Lo ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. La notizia, alla quale non è stato dato grande rilievo dai mezzi di informazione, rafforza la necessità di una mobilitazione dei lavoratori a tutela delle proprie condizioni (...)


Lo Stato non siamo “noi” (Newsletter)

Nelle grandi catastrofi una determinata forma di organizzazione sociale mostra i suoi punti deboli. La pandemia del Covid-19 è, sotto molti punti di vista, una catastrofe “naturale”. Ma ogni passo della storia di questa pandemia ci mostra quanto sia diventata nocivo per la specie umana (...)


Due milioni di disoccupati non possono aspettare! (Newsletter)

I risultati delle elezioni regionali e del referendum sono stati giudicati quasi unanimemente come una felice prova di riconciliazione del “popolo” con le istituzioni. Si è lodato soprattutto l’alto numero di partecipanti al voto nonostante tutte le paure indotte dalla pandemia. “Il virus non frena (...)


La società delle “occasioni”. (Newsletter)

Gli ultimi dati sulla crisi sono raggelanti. Gli Stati Uniti registrano al secondo trimestre un calo del PIL del 33%, la Germania cala del 10,1% e i suoi disoccupati sono a luglio quasi tre milioni, in Italia il calo del PIL è dell’11,2% e, certifica l’ISTAT, si sono persi da febbraio 752mila (...)


Prepararsi a lottare per una difesa seria dagli effetti della crisi (Newsletter)

Se, come si sente dire, il mondo del dopo-pandemia non sarà più lo stesso di prima, quali cambiamenti dobbiamo aspettarci, quali scenari ci vengono preparati? Diciamo la verità: l’economia, almeno in Europa e specialmente in Italia, era già alle prese con una lunga stagnazione iniziata con la crisi (...)


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSNewsletter   ?