Internazionale
Francia:

Dopo le elezioni legislative, un sistema parlamentare impantanato

Da "Lutte de classe" n°225 – Luglio – Agosto 2022

Macron sperava che le elezioni legislative del 12 e 19 giugno gli avrebbero dato i mezzi per portare avanti la politica antioperaia che ha perseguito negli ultimi cinque anni. Nient’affatto! Con 246 seggi su 577, i macronisti si trovano lontani dalla maggioranza assoluta. Al di là della rinnegazione elettorale, questa assenza di maggioranza pone un problema alla borghesia, che non intende perdere tempo aspettando che il Parlamento e il governo lavorino al suo servizio.

I macronisti non si preoccupano dei principi. Stanno cercando di accaparrarsi i deputati di destra e di sinistra che permetterebbero loro di formare una maggioranza. Naturalmente i repubblicani, il Rassemblement National (Raduno nazionale) e i partiti della Nupes hanno fatto campagna "contro Macron". Si sono dichiarati all’opposizione. Ma in fondo, da entrambe le parti, alcuni hanno progetti di carriera, e qualche incarico può permettere di comprarsi degli amici... Gli ex deputati di Les Républicains (LR) Éric Woerth e Damien Abad sono esempi recenti, dopo una lunga serie di adesioni provenienti da sinistra e da destra, da Jean-Yves Le Drian a Bruno Le Maire, da Gérard Collomb a Édouard Philippe, da Olivier Véran a Gérald Darmanin, ecc. Ma non è detto che il bracconaggio individuale sia sufficiente. Il modo più semplice sarebbe quello di mettere in tasca a Macron un intero gruppo parlamentare, come quello della destra LR e dei suoi sessanta deputati. Oggi i suoi leader vi si oppongono, ma per quanto tempo? Jean-François Copé, ex leader di LR, ha subito proposto un "patto di governo" con Macron. La presidente della regione Pays de la Loire, Christelle Morançais, parla di "contratto di governo", così come il deputato LR Philippe Juvin invoca un accordo "alla tedesca", ovvero una coalizione, mentre Jean Rottner, presidente LR della regione Grand Est, spiega che "dovremo imparare a lavorare con Emmanuel Macron". Sarkozy, il nume tutelare della destra, non si esprime, ma non pensa di meno.

Un’altra opzione sarebbe quella di radunare il PS o altri parlamentari di sinistra. Come tanti altri noti personaggi socialisti del passato, alcuni di loro potrebbero essere tentati, gettando così a mare l’accordo Nupes. Ci sono anche i deputati dell’EELV, un partito i cui molti politici, da Barbara Pompili a François de Rugy, da Daniel Cohn-Bendit a Pascal Canfin, hanno sostenuto Macron in passato.

E poi, perché non il Rassemblement National? Mentre tra i due turni delle elezioni presidenziali Macron ha corteggiato apertamente gli elettori di Mélenchon, di cui aveva bisogno per ottenere la maggioranza contro Le Pen, i macronisti stanno ora corteggiando i lepenisti. Per il secondo turno delle elezioni legislative, si sono rifiutati di chiamare a votare per i candidati di La France insoumise che si opponevano a loro. Gli utili idioti della sinistra si sono lamentati di aver comunque "bloccato" la Le Pen, o hanno chiesto che fosse "battuta nelle urne", votando per Macron al secondo turno delle elezioni presidenziali... E da allora, i macronisti hanno moltiplicato i loro appelli affinché il RN e i suoi 89 deputati votassero benevolmente all’Assemblea. In cambio, i Macronisti potrebbero essere accomodanti per quanto riguarda le posizioni nelle commissioni, o anche di più, volendo...

La Nupes formata da Mélenchon ha 142 seggi. Questo potrebbe essere sufficiente per contrariare Macron e candidarsi un giorno alla guida degli affari della borghesia. Ma così com’è, è troppo poco per governare ed "eleggere Mélenchon primo ministro". Quest’ultimo può congratularsi per aver rafforzato il suo gruppo parlamentare e la sua posizione sul resto della sinistra. Per inciso, questa alleanza ha aiutato un Partito Socialista screditato a salvare il proprio gruppo e gli ecologisti a trovarne uno. Questo era il vero obiettivo della Nupes: salvare i seggi e, se possibile, conquistarne alcuni. In realtà, nonostante l’operazione politica di Mélenchon, la sinistra rimane debole. Alle elezioni legislative del 2017, le sue quattro componenti (LFI, PCF, PS, EELV) avevano totalizzato il 25,5% dei voti espressi; in quelle del 2022, la Nupes raccoglie il 25,7%, ovvero solo il 12% degli iscritti. Il confronto dei punteggi tra le elezioni presidenziali e legislative del 2022 è ancora più crudele, poiché la sinistra scende di 5 punti percentuali e crolla nei voti. Mentre il mondo del lavoro è disgustato dai colpi inferti da Macron e dalla classe capitalista, il rattoppo dell’unione della sinistra non è stato sufficiente a creare le illusioni che sperava di suscitare. Forse perché molti lavoratori hanno un brutto ricordo dei suoi passaggi al governo, da Jospin a Hollande, senza che vi sia neanche bisogno di tornare a Mitterrand. Durante la campagna presidenziale, Mélenchon ha spiegato che votando per lui i lavoratori si sarebbero risparmiati scioperi e manifestazioni, ad esempio contro il pensionamento a 65 anni. Alle elezioni legislative, i leader di Nupes hanno fatto lo stesso ragionamento. Dopo le elezioni, si sono rallegrati, con il deputato di LFI Adrien Quatennens che ha spiegato, ad esempio: "Non c’è una maggioranza in questo Paese per applicare, ad esempio, il pensionamento a 65 anni o il lavoro in cambio del RSA" (LCI, 20 giugno). In altre parole, il mondo del lavoro non dovrebbe preoccuparsi, protetto come sarà dalla nuova Assemblea nazionale. In futuro, se i lavoratori vogliono evitare di vedere ulteriormente erose le loro condizioni di vita, faranno bene a non ascoltare i politici che vorrebbero disarmarli in modo così rozzo.

Purtroppo, è l’estrema destra a fare progressi. Il Rassemblement National (89 seggi) è il vero vincitore delle elezioni. La progressione dell’estrema destra era già visibile nelle elezioni presidenziali ed è nuovamente visibile nelle elezioni legislative, dove il RN è passato in cinque anni dal 13% al 19% dei voti espressi al primo turno, a cui si aggiunge il 4% degli zemmouristi. Tra i due turni, il RN ha guadagnato altri voti. Questa influenza è gravida di minacce per il futuro. In effetti, il RN ha ottenuto buoni risultati nei collegi elettorali della classe operaia, nel Nord e nel Pas-de-Calais, oltre che in diversi altri dipartimenti. Rafforza la sua presenza e la sua strutturazione. Il RN, che negli ultimi anni ha guadagnato credito proponendosi come partito anti-Macron, cederà alle sirene macroniste per un piatto di lenticchie o un portafoglio ministeriale? Il futuro lo dirà. Il nocciolo del problema rimane il suo peso e l’adesione a idee reazionarie, razziste e antioperaie che trasmette.

In questa situazione di instabilità, la pressione della borghesia aumenterà. L’aggravarsi della crisi capitalistica, le tensioni sui mercati e la guerra in Ucraina richiedono risposte rapide da parte dei servitori politici dei capitalisti. Quindi, più che mai, sarà necessario che i lavoratori si mobilitino per impedire gli attacchi che si stanno preparando, per non pagare l’aumento delle spese militari, l’inflazione e l’intera crisi capitalista. È più che mai necessario costruire un partito che rappresenti veramente gli interessi di classe del mondo del lavoro, un partito comunista rivoluzionario, che armi i lavoratori contro le minacce senza distillare illusioni.

23 giugno 2022


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSLa rivista "Lotta di Classe" RSSLotta di Classe n° 38 - Settembre 2022   ?