Internazionale

Prezzi alimentari: gli speculatori provocano carestie

L’indice dei prezzi alimentari dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) è aumentato di oltre il 30% in un anno. Questo include grano, carne, zucchero, latticini e molti altri alimenti essenziali. Questi aumenti sono presentati come una conseguenza indiretta del Covid, del maltempo o delle difficoltΰ della ripresa economica. Ma non è il virus che sta mantenendo i piccoli agricoltori nella povertà, mentre lavorano duramente per produrre caffè, cacao, arachidi, cotone, lattice e altre colture commerciali. I colpevoli sono i trust agroindustriali, che impongono la loro morsa sulle catene di produzione e sulle reti di trasformazione e commercializzazione.

Inoltre, questi prodotti sono soggetti, come altre materie prime, alla speculazione che fa salire i prezzi. Per gli avvoltoi della finanza, questa è una delle tante opportunitΰ di fare un profitto facile e veloce. Per milioni di donne e uomini in tutto il mondo, questo si traduce in un aumento della miseria e della minaccia di carestia.

C.L.


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2021 RSSNumero 180 - Dicembre 2021   ?