Internazionale
Crisi sanitaria e crisi economica

Gli Stati in aiuto al sistema finanziario

Con oltre due miliardi di persone confinate nel mondo, decine di paesi completamente isolati, l’economia globale sta subendo un violento colpo. Dopo un calo dei prezzi delle azioni o del prezzo del petrolio, la produzione sta ora crollando. In Francia, negli ultimi giorni la produzione industriale era al 25% della capacità.

Negli Stati Uniti, l’indice borsistico di Wall-Street ha perso il 37% del suo valore in un mese, il che rappresenta 10 000 miliardi di dollari di capitale andati in fumo. Dopo la finanza, è l’economia produttiva a risentirne. L’economia americana entrerà in recessione, il prodotto interno potrebbe diminuire del 25% nel secondo trimestre.

Di fronte a questo, senza indugio e senza esitazioni, contrariamente alle misure sanitarie decise in ordine sparso e tardivo nei due mesi scorsi, gli Stati e le banche centrali di tutto il mondo sono intervenuti in sintonia. Oltre gli aiuti diretti e alle sovvenzioni alle imprese, gli Stati hanno garantito crediti quasi illimitati alle banche e le grandi imprese: 340 miliardi di euro in Italia, 300 miliardi di euro in Francia, 550 miliardi di euro in Germania, più di 1.000 miliardi di euro dalla BCE. Trump ha fatto approvare dal Congresso un piano di emergenza di 2.000 miliardi di dollari per l’economia statunitense. La banca federale statunitense, la Fed, riacquisterà tutti i tipi di titoli, buoni del Tesoro, obbligazioni emesse da grandi aziende, in cambio di nuovo capitale.

La preoccupazione di questi dirigenti politici è di evitare una catena di fallimenti e di rassicurare il sistema finanziario sulla solvibilità delle imprese e delle banche. Mentre l’economia mondiale viene vampirizzata dalla finanza, da questi molteplici fondi che stanno costantemente facendo transazioni, un arresto dei pagamenti e della circolazione del denaro causerebbe il collasso del sistema bancario. Come nel 2008, gli Stati si stanno indebitando senza limiti per salvare i capitalisti. Anche la Germania, che fino ad allora si era rifiutata di gestire un deficit di bilancio, ha lanciato un prestito di 156 miliardi di euro sui mercati finanziari, i quali vi hanno visto la possibilità di nuovi guadagni facendo di nuovo aumentare i tassi d’interesse.

Mentre gli Stati stanno salvando i capitalisti, in nome della salvaguardia dell’economia, non impongono loro alcuna contropartita, nessun controllo e nessun comportamento responsabile.

I banchieri e gli industriali non usano i miliardi a loro disposizione per pagare i loro fornitori o per concedere prestiti a tassi bassi a piccole imprese minacciate di fallimento. Al contrario, i gruppi capitalisti più ricchi ritardano volontariamente i pagamenti ai loro fornitori per accumulare denaro contante, anche se potrebbero prendere prestiti senza limiti. Stanno anche approfittando del calo delle loro azioni per riacquistarle a basso prezzo e rafforzare così le loro partecipazioni. Su scala globale, i gruppi più potenti stanno approfittando di questa crisi per prendere il controllo di concorrenti in difficoltà.

Ognuno nel proprio campo sta prendendo posizione per essere il più veloce quando la fine delle misure di contenimento permetteranno al mercato di riprendersi. Per questo vogliono costringere i loro dipendenti a venire al lavoro nonostante il pericolo di contagio. Vogliono evitare di perdere settimane di produzione prima riavviare i loro impianti e stanno accumulando scorte per rifornire il mercato non appena inizierà la ripresa.

Costretti a rischiare la vita per produrre a tutti i costi, i lavoratori e le classi lavoratrici rischiano di pagare doppiamente il conto di questa crisi. Come nel 2008, il rimborso del debito pubblico e la ripresa dell’economia saranno usati come pretesto per cercare di imporre nuovi sacrifici, compresa la successiva demolizione dei servizi pubblici, come gli ospedali.

X.L.


| Home | Area riservata |

     RSS it RSSIl Giornale RSSAnno 2020 RSSNumero 172 speciale - Aprile 2020   ?