Se questo messaggio non viene visualizzato correttamente, visualizzalo utilizzando questo link.

La Newsletter de
L'Internazionale
Periodico comunista

È uscita L’Internazionale n° 172

In questo numero di febbraio 2020:

Editoriale: il vero confine divide le classi, non le nazioni

Il risultato delle elezioni regionali di gennaio ha certamente un suo significato politico. Ma questo non significa che i lavoratori e i ceti popolari in genere vedranno cambiare qualche cosa di importante nelle loro condizioni presenti o che si apra qualche prospettiva migliore nell’immediato futuro. La stagnazione economica rimane il dato principale. L’altro dato, altrettanto importante, è la completa mancanza di iniziativa da parte di chi dovrebbe rappresentare gli interessi dei lavoratori. In altre parole, il settore della società che produce tutta la ricchezza paga completamente e pressoché da solo gli effetti della crisi, non ha una propria voce in grado di farsi sentire... (segue)

Giornata della memoria: le colpe che lo Stato non confesserà mai

È stato coraggioso il discorso del presidente Mattarella in occasione della Giornata della Memoria? Lui e tutti quelli che hanno scritto e parlato indicando le colpe, non solo tedesche ma anche italiane, sono andati in fondo al problema? No.
Non potevano farlo. Perché fare i conti in modo non ipocrita con la complicità e l’attiva collaborazione degli apparati di stato fascisti con lo sterminio degli ebrei significa anche dire la verità su che cosa è successo dalla fine della guerra in poi. Mattarella ha pronunciato queste parole: “La metà degli ebrei italiani, deportati nei campi di sterminio, fu catturata e avviata alla deportazione dai fascisti, senza il diretto intervento o una specifica richiesta da parte dei soldati tedeschi”.Giusto, anzi, giustissimo. Quello che tanto il Presidente della Repubblica quanto tutti gli altri “dimenticano” è che quasi tutti gli entusiasti fautori e collaboratori della “politica razziale” del regime fascista salvarono le loro vite e le loro carriere.
La lista dei “salvati” sarebbe lunghissima... (segue)

Acciaieria di Piombino: ancora 4 mesi... e poi?

FCA: "solidarietà"... per salvare i profitti del gruppo

Piemonte: un "emergenza occupazionale e salariale" sulle spalle dei lavoratori

Cinquant’anni fa: dicembre 1969, la strage di Stato di Piazza Fontana

Francia: contro la riforma delle pensioni, i lavoratori in lotta

Francia: "Siamo orgogliosi di avere alzato la testa" – Estratto da un intervento di Monique Dabat, ferroviera e scioperante alla Gare du Nord di Parigi

Davos: gli sfruttatori del mondo si riuniscono

Rapporto Oxfam: un sistema capitalista sempre più disuguale

Coronavirus: si scambiano i virus, ma le cure?

Leggi anche

Lotta di classe n° 31

Pubblicata da L’Internazionale

In questo numero di gennaio 2020:

  • La crisi dell’economia capitalista
  • La situazione internazionale
  • La situazione politica in Francia
  • Francia: il movimento contro la riforma delle pensioni
  • Il NPA dieci anni dopo
  • Polonia: il percorso di Karol Modzelewski (1937-2019) per quale politica?
Leggi, sostieni "l'Internazionale", abbonati!

Abbonamenti per 12 Numeri:
Ordinario 15.00 – Con "Lotta di Classe" 25.00 - Sostenitore 50.00 - Estero 25.00

Per cancellarsi, scrivi a: lettera-unsubscribe@linternazionale.it.